Home Page
La Chiesa della Madonna della Scala
Porta Milazzo
Porta Messina

Home
La Storia
Rassegna Stampa
Phototeca
Link
Meteo
Scrivici


Rassegna Stampa

Gazzetta del Sud

11/08/2004

Servizi igienici carenti e cani randagi Nuove proteste dai complessi turistici

ROMETTA MAREA

Maria Saccà

ROMETTA – È ancora polemica tra i residenti stagionali di Rometta Marea e l'amministrazione comunale. Dopo le dure proteste di alcuni cittadini del complesso “Golden Sunset” per l'insufficiente illuminazione delle strade, è la volta dei residenti della zona “L'altra Rometta”, a chiedere agli amministratori locali maggiore attenzione di fronte ai quotidiani problemi che riguardano la maggior parte dei complessi residenziali della frazione marina, per non trasformare l'ennesima estate romettese nella solita “battaglia” dei diritti negati. «Nonostante paghiamo le tasse – commenta il signor Giovanni Zanghì, residente stagionale del complesso –, ci viene negata la pulizia giornaliera dei cassonetti, l'illuminazione è insufficiente, gli accessi al mare impraticabili e le strade sono dissestate a causa dei recenti lavori del metano. Ogni estate, purtroppo – continua – la spiaggia romettese si riduce sempre più, nonostante ogni anno ci promettono investimenti di milioni di euro per il ripascimento. Ma quest'anno – conclude Zanghì – il primo problema dei complessi residenziali è la presenza di cani randagi. Si pensi che il mio complesso è letteralmente in balia di un branco di sette, otto cani, alcuni dei quali pericolosi. Passeggiare liberamente è diventato pressoché impossibile, e il comune, da settimane, non fa altro che risponderci che il canile di Messina non può ricevere altri animali, e che quindi non c'è nulla da fare». «Ci siamo attivati per risolvere la questione – replica il vicesindaco Visalli – attraverso il comando dei Vigili Urbani, ma spesso la cattura degli animali è stata impedita dagli stessi villeggianti che quindi sono primi a diffondere il fenomeno. Visti gli alti costi che impone il randagismo, Rometta assieme agli altri comuni limitrofi si sta attivando per istituire un canile comprensoriale. Per quanto concerne l'erosione della costa – conclude – stiamo elaborando un progetto per il ripascimento del litorale e la rifioritura delle scogliere, che dovrebbe entrare nella prossima trance di finanziamenti regionali».

Indice Rassegna