Home Page
Sottocastello
Chiesa Bizantina - La cupola
Panorama

Home
La Storia
Rassegna Stampa
Phototeca
Link
Meteo
Scrivici


Rassegna Stampa

Gazzetta del Sud

26/07/2006

Centro commerciale

Rometta Via libera del consiglio comunale

Tonino Battaglia

ROMETTA – Il consiglio comunale dice si alla realizzazione di un centro commerciale in località Due Torri - accanto allo svincolo della A20 - da parte della società "Sviluppo Commerciale Rometta arl", amministrata dall'imprenditore messinese Giuseppe Denaro. Il voto favorevole degli 8 consiglieri di maggioranza (i 4 di minoranza presenti hanno invece abbandonato l'aula) ha infatti dato il via libera, nell'ultima seduta del Civico consesso, per la variante alla prescrizione esecutiva n. 7, necessaria all'adeguamento dell'area interessata agli standard previsti dalla "Scr". Infatti, nel Prg vigente, l'area di Due Torri è già destinata all'insediamento di attività turistico-ricettive e a una zona commerciale, ma di dimensioni molto più ridotte. È stato quindi necessario quindi un adeguamento dello strumento urbanistico a un progetto che, invece, è da grandi numeri: un complesso commerciale che si estende su tre livelli per una superficie totale di 33.400 mq, di cui 20.860 destinati a superfici di vendita, 5.380 a depositi di pertinenza e 7.160 a parti comuni. A queste si aggiungono 40.045 mq di area di parcheggio, tra piano interrato (16.375 mq) e spiazzo antistante l'edificio (23.670 mq), per una stima di circa 1600 posti auto. Alla realizzazione della struttura commerciale sarebbe inoltre connessa anche una nuova definizione della viabilità, soprattutto nell'innesto con lo svincolo autostradale, mediante una rotatoria che decongestionerebbe i flussi di traffico. Nuove infrastrutture che la "Scr" sarebbe pronta a realizzare, in cambio di uno scomputo sugli oneri dovuti per le opere di urbanizzazione primaria. Sulla ricaduta dell'iniziativa delal realtà locale si è consumato lo scontro in aula tra maggioranza e opposizione, la quale a fronte dell'ottimismo del gruppo "Continuità e Sviluppo" chiede maggiori garanzie sui benefici reali per la collettività: «Vogliam – ha affermato in aula il capogruppo di minoranza Nicola Merlino – uno studio tecnico-scientifico-economico che ci dica che ci saranno delle ricadute positive». Per Stefano Barbera «se si realizzerà solo il centro commerciale e non gli impianti sportivi, le strutture alberghiere e quanto previsto nella prescrizione esecutiva, ciò comporterà uno svantaggio. Nel progetto si dice ciò che si vorrebbe (il centro commerciale), ma la restante parte che andrebbe a vantaggio del territorio potrebbe non essere realizzata». Replica del sindaco Enrico Etna: «La realizzazione di questo centro commerciale potrà offrire non solo occupazione, un miglioramento dei servizi e della qualità della vita a costo zero. Ciò perché ci sarebbe un miglioramento della viabilità che la società proponente si impegna a realizzare». Rassicurazioni che non hanno convinto i consiglieri d'opposizione, i quali hanno abbandonato la seduta prima del voto sulla variante alla prescrizione esecutiva.

Indice Rassegna