Home Page
Porta Messina
Torre Carceraria
La Chiesa della Madonna della Scala

Home
La Storia
Rassegna Stampa
Phototeca
Link
Meteo
Scrivici


Rassegna Stampa

Gazzetta del Sud

27/06/1999

-Il depuratore di Rometta presto allacciato alla condotta sottomarina di Spadafora

-

-F.A.

SPADAFORA La condotta sottomarina di Spadafora, alla quale si raccorderà anche il depuratore di Rometta, sarà al più presto una realtà. Il più è stato fatto. Con l'ausilio di pontoni e natanti attrezzati le maestranze ed i tecnici dell'impresa De Francisci di Agrigento, aggiudicataria dell'appalto, hanno posato sul fondo del mare, all'altezza del torrente Boncorda, 1500 metri di tubazione. Con “materassi” di acciaio rivestiti da uno spesso strato di cemento, collocati su blocchi di supporto, il serpentone è stato incardinato, a guida di solida colonna vertebrale, sul fondo. Gli ultimi lavori puntano adesso alla costruzione di un collettore dotato di pompe di sollevamento nell'area del torrente, al quale afferiranno le acque di sversamento dei due depuratori e dal quale si dipartirà un solo “efferente” che si raccorderà al troncone sottomarino. Il depuratore di Spadafora, gestione da lunghi anni, con passione e competenza dal perito industriale Biagio Lizzio, a dir poco funziona come un orologio di marca. Va fiero dell'impianto il manutentore che ne ha curato a suo tempo l'avviamento con accorgimenti ingegnosi, migliorando sempre più l'esistente. E' giustamente orgoglioso Lizzio, nel farci da guida, per la qualità dell'acqua depurata con una carica batterica rigorosamente nei limiti della norma, come periodicamente testimoniato dai controlli effettuati dagli organismi preposti, e si duole che quelle acque che gorgogliano cristalline lungo l'alveo del torrente, debbano finire a mare. E dove se non lì? «A campagne e serre potevano essere distribuite con un idoneo sistema di incanalamento – dice con un pizzico di amarezza –. La quota di azoto e fosforo, indispensabili in agronomia, avrebbero avuto una rilevante caduta economica. Queste acque sono una ricchezza, così come i fanghi. Lo sanno bene quei contadini delle due sponde che talvolta vi attingono. Alla condotta dovranno infatti affluire acque in linea con i parametri di depurazione». (f.a.)

Indice Rassegna