Home Page
Porta Milazzo
Porta Messina
Torre Carceraria

Home
La Storia
Rassegna Stampa
Phototeca
Link
Meteo
Scrivici


Rassegna Stampa

Gazzetta del Sud

24/11/2009

Sventato maxifurto di 2500 chili di rame Arrestati 2 della banda

-

Tonino Battaglia

Un clamoroso furto di rame è stato sventato la scorsa notte dai carabinieri della stazione di Rometta in collaborazione con i militari della compagnia di Milazzo. Due persone sono state arrestate in flagranza di reato, mentre cercavano di fare perdere le loro tracce a bordo di un furgone sul quale avevano caricato la preziosa merce. Altri tre sono attivamente ricercati. La banda aveva appena messo a segno un colpo che avrebbe alla fine fruttato un cospicuo bottino. Poco prima, infatti, i malviventi si erano introdotti in un deposito del cantiere allestito da Italferr presso la stazione di Rometta per i lavori di realizzazione del raddoppio ferroviario Rometta-Pace del Mela, asportando a tre grosse matasse di rame del peso complessivo di 2 tonnellate e mezzo. La "squadra", che evidentemente conosceva bene il deposito, è stata lesta a caricare la pur consistente e ingombrante refurtiva sul furgone che risulta essere stato rubato il mese scorso a Santa Teresa di Riva, pensando probabilmente che, una volta raggiunto il vicino svincolo autostradele, tutto sarebbe filato liscio. Ma non avevano fatto i conti con una pattuglia dei carabinieri della locale stazione che, intercettato il mezzo sulla via Nazionale, a poca distanza dalla stazione ferroviaria, hanno subito fiutato che qualcosa di anomalo stesse bollendo in pentola. Fermato il veicolo, i carabinieri hanno operato la conseguente perquisizione, rinvenendo la grossa refurtiva. Hanno subito bloccato due dei componenti la banda, gli altri sono riusciti a fuggire. Identificati per Emanuele Carpenzano e Vincenzo Pronestì, i due sono stati arrestati con l'accusa di furto aggravato. Dopo le formalità e gli accertamenti di rito, sono stati trasferiti nella camera di sicurezza della caserma di Rometta. I due ieri mattina sono comparsi dinanzi al giudice monocratico del tribunale di Messina, dott. Sagone, che ha accordando i "domiciliari", differendo l'udienza al 4 dicembre.

Indice Rassegna