Vivi Rometta   

   

Associazione socio-politica 

 

Home

Chi siamo

Elezioni

Iniziative

Rassegna

Link

Privacy



10/03/2008

 

Centro Commerciale

9 marzo 2008 - Il “Comitato Rometta Città Turistica No al Centro Commerciale”, rappresentato dal dott. Luigi Politi, ha incontrato una folta rappresentanza dei commercianti che hanno sottoscritto la petizione popolare.

Durante i lavori è stata ribadita la ferma posizione contro la realizzazione della grande struttura commerciale e per il recupero dell’area interessata alla vecchia destinazione turistico ricettiva.

Nello stesso senso, si è espresso il segretario provinciale della Confartigianato, Dott. Nino Sindoni, che ha anche evidenziato le ripercussioni negative che ne deriverebbero sulle piccole attività e la necessità invece di stimolare la nascita di “botteghe artigianali” (orafi, ceramisti, restauratori, ecc.) che qualificherebbero l’offerta turistica. Lo stesso ha anche sottolineato che l’offerta lavorativa dei centri commerciali è illusoria, mentre andrebbe favorita quella sicuramente più stabile e qualificante delle piccole e medie imprese, che rappresentano lo zoccolo duro dell’economia nazionale. 

I commercianti chiedono un incontro con l’Amministrazione per discutere del necessario sviluppo turistico da intraprendere, una volta per tutte, sul nostro territorio, partendo dalla necessaria attenzione per la spiaggia che, nel lungo periodo, dovrà essere recuperata, mentre nell’immediato dovrà essere pulita e attrezzata tempestivamente, oltre che curata tutti i giorni durante l’estate. Il Comune poi dovrebbe anche prevedere luoghi di ricovero e rimessaggio delle barche, in modo che le relative attività non disturbino bagnanti e residenti.

I marciapiedi devono essere liberati da tutti gli ingombri e attrezzati adeguatamente per essere fruiti dai passeggini e dai diversamente abili, mentre devono essere realizzate zone pedonali, particolarmente curate per favorire anche svaghi per i bimbi e passeggiate con ciclocarrozzelle. In estrema sintesi, chiedono che la vita estiva si svolga lungo tutte le vie del paese, anche con l’organizzazione, dove le vie lo consentano, di spettacoli ludico-culturali di qualità, che potrebbero continuare anche nel periodo invernale, contribuendo al recupero e alla conservazione delle tradizioni locali.   



     
Free stats

Questo articolo stato visualizzato  1227  volte